Italia +39 338 2838228 - Grecia +30 694 8222463 (maggio-ottobre) info@pennebianche.com

PAROS
Paros, la terza isola per dimensioni dopo Naxos ed Andros, si è sviluppata negli ultimi anni divenendo un moderno centro turistico. Monti dal dolce profilo che racchiudono dentro di sè il celebre marmo di Paro abbelliscono la parte centrale e sudorientale dell’isola, per il resto prevalentemente pianeggiante, con interminabili vigne.
Due approdi naturali, porto e capoluogo dell’isola, (quello di Naousa a nord e di Paroikia ad ovest), dominano le coste frastagliate ed i dolci golfi dell’isola. Abitata fin da epoche antichissime, fu uno dei centri della civiltà cicladica.
Paroikia o Paros, porto e capoluogo dell’isola è costruita sul sito dell’antica città. Molto suggestivo il suo castello veneziano, anche se semidiroccato. Le case pariote, dipinte di un bianco abbagliante, sono inondate dal basilico, da gelsomino e dal caprifoglio. Una larga strada asfaltata conduce alla chiesa Ekatontapilianì o Katapolianì, uno dei più significativi monumenti bizantini della Grecia, sulla quale sono nate molte leggende. Nel Museo Archeologico Nazionale sono esposte sculture proveniente da varie parti dell’isola. Pittoresche manifestazioni locali si svolgono durante i mesi estivi, come la grande festa del vino e del pesce. Naousa, uno dei più bei villaggi di Paros con le sue case bianchissime, i vicoli lastricati, le arcate e le chiese, offre magnifiche spiagge e raccoglie un gran numero di visitatori.
Tra queste spiagge va menzionata Kolymbithres, dove enormi rocce con strane forme somigliano a sculture inchiodate nella sabbia. Molte e suggestive le chiese di campagna ed i monasteri, come il convento di Zoodochos Pighis Longovarda e quello del Cristo del Bosco. Marpissa è un bellissimo borgo con un castello veneziano e vi si trovano belle chiese.

ANTIPAROS
È separata da Paros da una stretta striscia di mare.
Si distingue per le sue dorate spiagge sabbiose e per la genuina bellezza naturale. Il capoluogo, Antiparos o Kastro, è costruito intorno al nucleo originale del castello medievale. Il “magnete” è costituito dalla famosa grotta con le stalattiti sul colle di Aghios Ioannis, al cui ingresso si erge la chiesetta di Aghios Ioannis Spiliotis. Sull’isola ci sono molte spiagge con sabbia dorata e con acque azzurroverdi. Intorno ad Antiparos ci sono decine di isolotti deserti, simili ad avamposti marini pieni di conigli e piccioni selvatici. In due di questi, in seguito ai lavori di scavo effettuati, sono state portate alla luce diverse rovine: a Despotikò, resti di tombe del periodo antico cicladico, a Saliago i resti di un insediamento di epoca neolitica.

NAXOS
Naxos, la più grande e prosperosa delle isole Cicladi, si trova all’incirca al centro dell’Egeo. Prati che finiscono in interminabili distese sabbiose, scogli che sprofondano bruscamente nel mare, montagne impervie accanto a fertili valli, sorgenti ed acqua corrente sono alcune delle caratteristiche della natura nassese, che si distingue per la sua varietà. Le coste di Naxos sono brusche a sud e protette dal vento ad ovest con molti golfi e spiagge sabbiose. Nota già nelle epoche mitiche, la sua presenza fu incisiva in tutti i periodi storici, raggiungendo un particolare splendore nel periodo della civiltà cicladica.
Naxos o Chora, costruita ad anfiteatro sul pendio di un colle nella parte nord occidentale dell’isola, è una delle più belle città delle Cicladi. Partendo dal porto ed arrivando fino in alto al castello veneziano, il visitatore è colpito dalla vista delle strette stradine in salita e delle vecchie case di pietra. Sparsi quà e là nella città ci sono interessanti monumenti appartenenti a diverse epoche. Tra questi citiamo le chiese bizantine, il castello con la torre, le feritoie e le rovine micenee in località Grota. Il Museo Archeologico di Naxos ospita interessanti reperti. Molti sono i luoghi interessanti da visitare nell’isola. Nella parte settentrionale, ad Apollonas, uno dei più bei paesi in riva al mare con cave di marmo, presenta particolare interesse il Kouros incompleto (VI sec. a.C.), una statua di dimensioni colossali appena abbozzata sdraiata sul terreno; se ne trova una simile anche a Melanes.
Un interessante Museo Archeologico si trova anche a Apeiratho, paese che mantiene vivi gli usi e costumi locali. Interessanti le chiese di Panaghia Prothothroni a Tragea e di Panaghia Filotitisa nel paese di Filoti.
Numerose sono le splendide spiagge sabbiose.

PICCOLE CICLADI
IRAKLIA-SCHINOUSA-KOUFONISIA-KEROS-ANTIKEROS-DONOUSA
Piccole e bellissime isole senza comodità, sono considerate un rifugio ideale per coloro che ricercano l’isolamento e la serenità. La selvaggia bellezza del paesaggio brullo, gli scogli sferzati dal mare, le spiagge frastagliate ed un desiderio di fuga dalle folle e dalla civiltà tecnologica sono degli ottimi motivi che attirano i pochi visitatori di queste isole, “vergini” sotto molti punti di vista. Come è stato dimostrato dai reperti rinvenuti nei lavori di scavo, erano abitate fin dalla preistoria.
Ad Iraklia, ove si trova anche la grotta di Ai Gianni con suggestive stalattiti, ci sono resti della civiltà cicladica.
A Schinousa, con il pittoresco porto di Messarià, ci sono rovine di una postazione fortificata medievale.
A Koufonisia con la spiaggia sabbiosa di Foinikas e le acque rilucenti (Pano Koufonisi) come pure le spiagge di sabbia grossa (Kato Kouufonisi) ci sono resti dell’Ellenistico e del Romano.
A Keros sono state riportate alla luce rovine del periodo antico cicladico, come pure importanti reperti di quest’epoca che sono ritenuti tra i più rilevanti nell’ambito delle Cicladi.
A Donousa, con le incomparabili distese sabbiose, è stato rinvenuto un insediamento preistorico.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi