Italia +39 338 2838228 - Grecia +30 694 8222463 (maggio-ottobre) info@pennebianche.com

Crociera in barca a vela a Milos e Kimolos

Crociera a Milos

Milos è l’isola più meridionale delle Cicladi occidentali, si distingue sia per il suo terreno di origine vulcanica che per il sottosuolo ricco di giacimenti minerari. Le rocce vulcaniche di cui è composta donano alle spiagge un suggestivo colore rosso, rosa e a volte arancione. Queste spiagge costituiscono una sosta immancabile durante la vostra crociera a Milos. L’isola è conosciuta in tutto il mondo non solo per le spiagge ma anche perché è il luogo dov’è stata ritrovata la statua di Venere, per questo ha preso il nome di Venere di Milo. Se volete ammirarne la bellezza la trovate esposta nel Museo del Louvre a Parigi.

Milos è estesa per 160 kmq e tale estensione è dovuta dalla presenza di un golfo molto grande che si trova al centro dell’isola. I suoi 5.000 abitanti sono sparsi in sette piccoli villaggi fra cui Adamas, Triovassalos, Plaka, Tripitì e Pollonia, cittadine che è possibile visitare con nostra la crociera a Milos.

La storia di Milos è molto antica e può essere paragonata a quella cretese e risale ad almeno 5000 anni fa. La principale attività dell’isola era la produzione dell’ossidiana in gran quantità. Diventata ricca grazie al commercio è stata fin da subito oggetto di interesse da parte di Atene, che hanno imposto ai commercianti il pagamento dei tributi annuali alla città-stato. Anche i Romani hanno avuto interesse per l’isola, conquistandola nel secondo secolo Avanti Cristo e sviluppando qui una loro propria comunità. Il passaggio dei romani è stato segnato dalla costruzione di un teatro che di tanto in tanto viene ancora utilizzato. Milos fu una delle prime isole greche ad essere cristianizzata. Le testimonianze di ciò possono essere ritrovate nelle catacombe, che risalgono al secondo secolo Avanti Cristo, e dove sono stati ritrovati scheletri di oltre di 2000 persone. Queste famose catacombe si trovano nel paese di Tripitì a due km dal capoluogo Plaka e vengono considerate tra le più rilevanti testimonianze dei primi anni del Cristianesimo. Le catacombe sono state usate nel corso dei secoli dai cristiani come nascondiglio dai loro persecutori, dei Veneziani, dai Turchi e dalle scorrerie dei pirati. Milos è stata inclusa nel Ducato Veneziano nel XIII secolo e nel 1537 i Turchi hanno preso possesso dell’isola. La sua liberazione avviene definitivamente solo nel XIX secolo durante la Guerra di Indipendenza.

Una delle prime tappe della crociera a Milos è Adamas, che viene considerato uno dei porti naturali più sicuri dell’Egeo. Oltre alla sua sicurezza, il porto, come tutta la città, è particolarmente suggestivo con le sue case pitturate di bianco con i balconi fioriti, le strade lastricate,ed i tamerici profumati.
Altra tappa fondamentale è l’attuale capoluogo, Milos o Plaka, costruito su un colle sul mare, alla base del castello “Kastro”. La cittadina affascina per la sua caratteristica architettura, anche lee chiese sono degne di nota (Panaghia Korfiotissa, PanaghiaThalassistra, Mesa Panaghià).
Per gli amanti della storia immancabili sono i musei dell’isola, soprattutto il Museo Archeologico, che conserva al suo interno una copia della celebre statua della Venere di Milo ed altri reperti di varie epoche. Altro museo interessante è il Museo Storico del Folclore, con opere d’arte popolare, una collezione di minerali dell’isola, materiale fotografico e documenti storici. La particolarità delle nostre crociere a Milos è che gli itinerari sono programmati in base ai vostri interessi.

All’estremità nordorientale dell’isola sorge Pollonia o Apollonia, moderna località di villeggiatura. Qui si trova l’importante centro del periodo minoico, Fiyacopì sul cui sito vennero costruite una dopo l’altra tre città. Accanto alla zona archeologica di Filacopì si trova la fantasmagorica grotta di ”Papafranga”.

L’isola presenta più di 70 spiagge di varia dimensione. Tali spiagge sono conosciute in tutto il mondo per i loro colori. Infatti si passa da spiagge bianche e sabbiose ad altre di rocce scolpite dal vento, da spiagge color platino fino a calli con rocce rosse, gialle o nere. La sua natura vulcanica fa si che il paesaggio sia in continuo mutamento. Acque cristalline, rocce colorate ed enormi distese di sabbia rendono l’isola unica nel suo genere, chiedete pure conferma alla vostra skipper.

Durante la crociera a Milos sicuramente faremo una sosta nelle spiagge di “Sarakiniko” e di “Kleftiko” famose per le loro formazioni rocciose di colore bianco. Le grotte erose dal mare, sono piene di storie di pirati. Milos deve al vulcano sommerso le insenature più belle dell’Egeo.

Crociera a Kimolos, l’isola del gesso

Molto vicino a Milos si trova l’isola di Kimolos, aspra e rocciosa con acque curative. Quest’isola di origine vulcanica è un luogo ideale per chi cerca pace e relax. Caratteristiche principali dell’isola sono la natura genuina e pittoresca, la gente amichevole e villaggi molto piccoli. Il nome Kimolos che significa gesso richiama sia il colore delle case sono più bianche del bianco che la produzione del gesso come un prodotto di esportazione. Le altre attività economiche di cui gli isolani vivono sono la pesca, la coltivazione delle olive e dell’uva per il vino e in parte il turismo.

In origine Kimolos e Milos erano un’isola sola, ma un terremoto le ha separate dandogli l’aspetto odierno. In tale terremoto la città Ellinika è stata sommersa dal mare, in seguito a degli studi sulla posizione della città è stato possibile individuare il luogo esatto e durante gli scavi archeologici sono stati ritrovati molti resti dell’ottavo secolo. Kimolos non ha sempre avuto questo nome, si chiamava Arzantiera e prima ancora Ehinoussa. Come l’isola di Milo ha fatto parte del Ducato veneziano delle Cicladi dal XIII al XVI secolo, ma la maggior parte degli abitanti avevano abbandonato l’isola. I Turchi hanno conquistato l’isola nel XVI secolo.

Le escursioni della crociera a Kimolos iniziano dal porto di Psatì, dove attraverso una strada in salita è possibile raggiungere il capoluogo, Kimolos o Chora, che raccoglie quasi tutta la popolazione dell’isoletta. Le case a Chora, la cui architettura è in puro stile cicladico, sono costruite intorno al nucleo di Kastro, costituito dagli insediamenti di Mesa Kastro ed Exo Kastro. A Mesa Kastro le case formano nella parte esterna una cinta di mura con finestre a feritoia e quattro porte di accesso. L’aspetto generale del capoluogo richiama quello di un dipinto bianco su uno sfondo azzurro, dove le case sono immerse nei fiori e le strade sono lastricate. Nella zona di Prasa, nella parte nord dell’isola dove si estrae il gesso, ci sono sorgenti terapeutiche con acque sulfuree.
La maggior parte della gente di Kimolos vive nel capoluogo Chora. A causa di continui attacchi dei pirati il villaggio è stato costruito come un vero labirinto, per confondere i nemici. Qui, potete visitare il museo archeologico che ha in esposizione gli oggetti rinvenuti dagli scavi a Ellinika, una chiesa impressionante con una cupola blu, ed un vecchio kastro.

Le visite a Milos e Kimolos fanno parte di itinerari più vasti effettuati nel corso delle varie crociere svolte durante l’anno.

Vuoi saperne di più sulle crociere?

Richiedi subito maggiori informazioni.

Contattaci!

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Whatsapp Chat

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi